Consiglio Superiore Lavori Pubblici

  • Decrease font size
  • Default font size
  • Increase font size

PUBBLICATO IL NUOVO DECRETO LEGISLATIVO SUI PRODOTTI DA COSTRUZIONI

Nella Gazzetta Ufficiale n. 159 del 10 luglio 2017 è stato pubblicato il D.Lgs. 16 giugno 2017, n. 106, di Adeguamento  della  normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE) n. 305/2011, che fissa condizioni armonizzate per la commercializzazione dei prodotti  da  costruzione  e  che  abroga  la direttiva 89/106/CEE.Il Decreto, che…     leggi tutto ...

Pareri PDF Stampa E-mail

L'attività consultiva del Consiglio Superiore si esplica attraverso la redazione di pareri obbligatori sui progetti definitivi di lavori pubblici di competenza statale, o comunque finanziati per almeno il 50% dallo Stato, di importo superiore ai 25 milioni di euro, ai sensi dell'art.127 del Decreto legislativo 12 aprile 2006, n°163.

Per i progetti delle opere strategiche e di preminente interesse nazionale, ai sensi della legge 21.12.2001, n.443, il Consiglio Superiore, ove obbligatorio ai sensi di legge o richiesto dal Ministro vigilante, esprime parere sui progetti preliminari.

Il Consiglio Superiore, inoltre, ove richiesto dagli Organi competenti, esprime parere:

  • sui progetti delle opere pubbliche o di interesse pubblico di competenza statale, ai sensi delle disposizioni vigenti sulle costruzioni e infrastrutture strategiche;
  • sulle linee fondamentali dell'assetto del territorio nazionale, sulle linee generali della programmazione delle grandi reti di interesse nazionale, portuali ed aeroportuali e sulle vie di navigazione di interesse nazionale, sui programmi di lavori pubblici.

I pareri vengono altresì resi sui testi delle norme tecniche predisposte in attuazione della legge 5.11.1971, n.1086, e della legge 2.2.1974, n.64, del D.Lgs. 6.6.2001, n.378, e del D.P.R. 6.6.2001, n.380 e successive modificazioni ed integrazioni, nonché su tutte le circolari e linee guida in attuazione delle leggi citate.

Il Consiglio Superiore esprime, infine, parere su tutte le altre questioni, ove richiesto o previsto dalle norme vigenti.