PRIMA SEZIONE

Seduta del 27.07.99
Voto n. 272

OGGETTO:
Legge 16/85. Convenzione n. 1463/86 e successivi atti aggiuntivi con la Soc. "SERVIZI TECNICI" S.p.A. Concorso Nazionale "Opere d’arte" L. 717/49 e successive modificazioni e integrazioni.
Comando di Stazione Base di COMITINI (AG) e Comando di Stazione Base di MONTEVAGO (AG). Richiesta di variante dell’opera d’arte.
AGRIGENTO

LA SEZIONE

VISTA la nota n. 437/99 del 13.7.99 con la quale la Direzione Generale Edilizia Statale e SS. trasmette, per esame e parere, l’affare indicato in oggetto;

ESAMINATI gli atti;

UDITA la Commissione relatrice (Tatò, Alfonsi, Napolitano, Bonamico, Gentili).

PREMESSO

Con nota n. 437/99 del 13.7.99 la Direzione Generale Edilizia Statale e SS. trasmette, per esame e parere, la propria relazione d’istruttoria concernente la richiesta di variante della tipologia delle opere artistiche, di cui alla L. 717/49 così come modificata dalla L. 237/60, relative alle Caserme Comando di Stazione Base di Comitini e Montevago in provincia di Agrigento.
I progetti esecutivi di detti interventi sono stati approvati rispettivamente con DD.MM. n. 2507 e 2920 del 4.10.90.
Successivamente è stato esperito il Concorso Nazionale "Opere d’arte per la legge 16/85", pubblicato sulla G.U. n. 243 del 17.10.97 e sulla Gazzetta della CEE S 200 del 17.11.97, per l’aggiudicazione delle opere d’arte previste nel progetto esecutivo approvato.
Per gli interventi artistici da realizzare nelle Caserme di Comitini e Montevago non sono state presentate offerte.
La Soc. Concessionaria con nota n. 1675 dell’1.4.99 ha inviato una proposta di variazione della tipologia dell’opera da scultura a pannello decorativo.
Nella relazione di accompagnamento alla proposta la "Servizi Tecnici" S.p.A. motiva il fatto con la consapevolezza, maturata solo a seguito di consultazioni con gli artisti, che l’importo di gara non risultava neppure sufficiente a coprire i costi di acquisto del materiale.
La DIGES, nella propria relazione d’istruttoria, ritiene la richiesta di variazione, meritevole di essere sottoposta a parere di questo Consesso.
La proposta sostitutiva di che trattasi consiste nella realizzazione di un pannello decorativo (quadro, mosaico, ceramica, arazzo, vetrata artistica) di dimensioni non inferiori a 3,00 m x 1,50 m da porre in opera all’interno dei due edifici.
Risultano in atti gli stralci di una planimetria di progetto con l’indicazione della prevista collocazione dell’opera.
Il corrispettivo, peraltro invariato, che verrà riconosciuto all’artista per l’esecuzione e l’installazione dell’intervento, compresi tutti gli oneri previsti nel Capitolato, è pari a:

  • Stazione Base di Comitini (AG) L. 18.211.207 + IVA e contributi
  • Stazione Base di Montevago (AG) L. 17.752.212 + IVA e contributi
Completano la documentazione trasmessa le relazioni generali allegate al progetto dei due interventi comprensive del quadro riepilogativo di spesa e della descrizione sommaria dell’opera artistica nella tipologia proposta in alternativa.

CONSIDERATO

La Sezione, tenuto conto delle motivazioni addotte, concorda con la proposta avanzata dalla Concessionaria di variare la tipologia dell’opera artistica inizialmente prevista per i due interventi di Comitini e Montevago da scultura a pannello artistico.
Si condivide inoltre, sulla base dello stralcio di planimetria in atti, la scelta in merito alla collocazione della stessa all’interno delle Caserme in posizione ben visibile.
Atteso tuttavia l’obbligo, per il disposto dell’art. 1 della L. 717/49, della previsione nel progetto approvato dell’indicazione di massima dell’opera d’arte e del computo del relativo importo, si ritiene indispensabile, per quanto di specie, l’acquisizione del preventivo parere al riguardo del progettista dei due edifici.

Tutto ciò premesso, la Sezione, all’unanimità

E’ DEL PARERE

che la richiesta avanzata dalla Concessionaria "Servizi Tecnici" S.p.A. di variare la tipologia dell’opera d’arte ex L. 717/49, così come modificata dalla L. 237/60, prevista per gli interventi delle Caserme Comando di Stazione Base di Comitini e Montevago (AGRIGENTO), possa essere accolta tenuto conto della prescrizione contenuta nei precedenti "considerato".