PRIMA SEZIONE

Seduta del 9.11.99
Voto n. 405

OGGETTO:
Legge 5.11.1971 n.1086 - art.9; D.M. 3.12.1987. Richiesta di autorizzazione per produzione in serie controllata di pannelli alveolari in c.a.p. di spessore 16, 20, 25 cm, prodotti dalla Trigno S.r.L. con sede e stabilimento in Montenero di Bisaccia (CB).
CAMPOBASSO

LA SEZIONE

VISTA la nota n. 44378 del 14.10.99 con la quale il Servizio Tecnico Centrale trasmette, per esame e parere, l’affare in oggetto;

ESAMINATI gli atti;

UDITA la Commissione relatrice (D’Antonio, Emmi, Nuti, Sanpaolesi, Turriziani).

PREMESSO

Con istanza pervenuta il 2 dicembre 1998 la ditta Trigno S.r.l., con sede legale e stabilimento in Montenero di Bisaccia (CB), Loc. S.Biase, ha richiesto al Servizio Tecnico Centrale, in base al p.to 5.2.2.1 del D.M. LL.PP. 3.12.1987, il rilascio di riconoscimento temporaneo della produzione in serie controllata di pannelli alveolari per solai in c.a.p. di spessori 16 - 20 - 25 cm.
All’istanza era allegata la seguente documentazione:

  • nomina del Direttore dello stabilimento e relativa accettazione dell’incarico;
  • relazione di calcolo;
  • grafici di utilizzo;
  • relazione sui materiali;
  • relazione sull’inserimento degli elementi nell’insieme strutturale;
  • relazione sull’organizzazione interna dello stabilimento e planimetria dello stesso;
  • relazione sui metodi costruttivi e sui procedimenti;
  • relazione sulla movimentazione, trasporto e montaggio;
  • relazione sul controllo interno del cls;
  • elenco delle attrezzature del laboratorio per il controllo interno;
  • certificato di taratura della pressa;
  • copia degli elaborati forniti al committente;
  • n.6 certificati di prova su prototipi e relazione interpretativa.
Con nota del 27 aprile 1999, a seguito di preliminare esame della documentazione, il Servizio Tecnico Centrale ha chiesto l’integrazione degli atti con la documentazione relativa alle prove di compressione eseguite sui calcestruzzi impiegati nella realizzazione dei pannelli, ovvero la certificazione relativa ad analoghe prove effettuate su prototipi.
Con nota del 5 luglio 1999, acquisita agli atti del Servizio in data 9 agosto 1999, la ditta ha trasmesso la seguente ulteriore documentazione:
  • estratto del registro di produzione relativo ad altri manufatti (travetti in c.a.p.) già depositati, per produzione in serie dichiarata, presso lo stesso Servizio;
  • certificati emessi da laboratorio autorizzato, relativi ai medesimi calcestruzzi di cui sopra.
Con nota n.44378 del 14 ottobre 1999 il Servizio Tecnico Centrale, ultimata la fase istruttoria, ha trasmesso la relativa documentazione, integrata da apposita relazione istruttoria, al Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici per esame e parere della competente Sezione.

CONSIDERATO

Per quanto attiene l’istanza in esame, si evidenzia quanto segue.
La documentazione è stata trasmessa ai sensi del p.to 5.2.2.1. del D.M. 3.12.87 che prevede per nuove produzioni in serie controllata di manufatti prefabbricati, il rilascio preventivo del riconoscimento temporaneo, della durata di un biennio, della suddetta produzione in serie controllata da parte del Servizio Tecnico Centrale, sentito il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici.
Sulla documentazione allegata all’istanza si osserva quanto segue.
Sono state presentate n.3 relazioni di calcolo per ciascuna delle altezza previste (16, 20 e 25 cm) corredate da una relazione illustrativa sulle metodologie e le ipotesi teoriche assunte.
I calcoli sono stati condotti con esplicito riferimento alla vigente normativa tecnica (in particolare, D.M. 9.1.1996 sulle strutture in c.a e c.a.p.).
Le luci massime previste per tali manufatti sono le seguenti:
- pannelli H 16 cm: L max = 10,70 m;
- pannelli H 20 cm: L max = 12,30 m;
- pannelli H 25 cm: L max = 13,00 m.
Riguardo l’organizzazione interna per il controllo dei materiali impiegati si rileva che dalla documentazione presentata risulta che la stessa è conforme a quanto previsto dal p.to 5 del D.M. 3.12.1987.
A tal proposito la ditta dichiara che il calcestruzzo che verrà utilizzato per i pannelli alveolari è lo stesso attualmente impiegato per la realizzazione di travetti precompressi, per i quali è stato effettuato un deposito per produzione in serie dichiarata (n.41688 del 15.7.96) ed il cui registro di produzione è allegato, in estratto, alla documentazione all’esame.
Sono, inoltre, presenti alcuni certificati relativi alle prove di compressione su provini di calcestruzzo e certificati di origine degli acciai da precompresso utilizzati.
E’ stata prodotta anche la certificazione di verifica della taratura della pressa utilizzata per i controlli interni che, peraltro, si ritiene debba essere ripetuta in quanto ormai datata (certificato del 1997).
In merito alle prove su prototipo si evidenzia che nel 1997 sono state eseguite complessivamente n°3 prove a rottura (3 a taglio e 3 a flessione), presso il laboratorio del Dipartimento di ingegneria strutturale dell'Università degli studi di Roma
La relazione interpretativa ad esse riferita è stata redatta sulla base delle indicazioni e delle disposizioni a suo tempo formulate da questa Sezione.
Dal suo esame si evidenzia in particolare che:
- le dimensioni del manufatto sottoposto a prova e le posizioni delle armature nel manufatto sono state rilevate preliminarmente sui campioni medesimi;
- le caratteristiche meccaniche dei materiali sono state considerate sulla base dei valori caratteristica dichiarati (per il cls Rck 55 N/mmq), assumendo valori unitari per i coefficienti parziali di sicurezza (ga e gb).
Il confronto tra valori sperimentali e di calcolo fornisce risultati soddisfacenti.
Si ritiene opportuno confermare, in linea generale, quanto più volte recentemente evidenziato da questa Sezione sulla necessità che le prove su prototipi siano ripetute periodicamente e che nel futuro le suddette prove siano accompagnate anche da specifiche prove di resistenza sui materiali (calcestruzzo ed acciaio) effettivamente impiegati nella produzione dei prototipi sottoposti a prova.

Tutto ciò premesso e considerato la Sezione, all’unanimità

E’ DEL PARERE

che si possa concedere alla ditta "Trigno S.r.L.", il riconoscimento temporaneo della produzione in serie controllata, nello stabilimento sito in Montenero di Bisaccia (CB), Loc. S.Biase, dei seguenti manufatti:
Pannelli alveolari in c.a.p. per solai, di spessore H= 16 - 20 - 25 cm.;
che prima del rilascio della autorizzazione il Servizio Tecnico Centrale debba acquisire un certificato aggiornato relativo alla verifica di taratura della pressa utilizzata per il controllo interno dei calcestruzzi;
che, ai sensi del p.to 5.2.2.1 detto riconoscimento preventivo temporaneo debba avere la durata di due anni, al termine dei quali si instaurerà la ordinaria procedura relativa alla produzione in serie controllata.
che all’atto dell’eventuale istanza di rinnovo, la documentazione relativa, oltre a quanto esplicitamente richiesto dal D.M. 3.12.87 e successiva circolare ministeriale, debba comprendere anche i risultati di nuove prove di carico su prototipo, effettuate su un campione significativo della produzione, complete di una relazione tecnica interpretativa redatta sulla base dei criteri indicati da questa Sezione nel voto 611 del 4.01.95 e della lettera circolare 41044 del 14.12.95 e corredate da specifiche prove di resistenza sui materiali (calcestruzzo ed acciaio) effettivamente impiegati nella produzione dei prototipi sottoposti a prova.
  ;